Case Report

 

Considerazioni sull’utilizzo dei dispositivi per accesso vascolare nel
paziente con COVID-19 (e alcune raccomandazioni pratiche)
5 aprile 2020
A cura di Mauro Pittiruti, Fulvio Pinelli, Maria Giuseppina Annetta, Sergio Bertoglio, Daniele G.Biasucci,
Roberto Biffi, Simona Biondi, Fabrizio Brescia, Massimo Buononato, Giuseppe Capozzoli, Paolo Cotogni,
Elisa Deganello, Laura Dolcetti, Daniele Elisei, Stefano Elli, Davide Giustivi, Emanuele Iacobone, Antonio
LaGreca, Massimo Lamperti, Giada Maspero, Giancarlo Scoppettuolo, Davide Vailati, Daniele Vezzali

L’emergenza sanitaria legata alla pandemia COVID-19 ha comportato una serie di
drammatiche modifiche nella routine della nostra pratica clinica, imponendo la revisione di molti
processi decisionali, la riorganizzazione delle unità di cura, nonché la riformulazione di protocolli e
procedure. A questo proposito, nell’ambito della pratica dell’accesso venoso – indispensabile per il
trattamento appropriato dei pazienti COVID-19 – è stato necessario riesaminare i criteri di scelta, di
inserzione e di mantenimento dei diversi dispositivi attualmente presenti nei nostri ospedali.
In queste pagine un gruppo di esperti del GAVeCeLT (Gruppo Accessi Venosi Centrali a
Lungo Termine) ha cercato di puntualizzare alcuni aspetti importanti riguardanti l’accesso
vascolare nel paziente COVID-19, sulla base della loro attuale esperienza nel trattamento di questi
pazienti, identificando quelle strategie che tengano conto simultaneamente della necessità di
proteggere l’operatore, di assicurare l’efficacia della manovra, di ridurre il rischio di complicanze
per il paziente, e di evitare uno spreco di risorse. Tali considerazioni e raccomandazioni non sono
state ancora pubblicate né sottoposte a un processo di revisione: riflettono le opinioni e le
esperienze degli autori e sono state redatte al fine di fornire uno strumento potenzialmente utile a
tutti i colleghi che devono trattare pazienti COVID-19 critici o non critici.

Sulla falsariga di un editoriale sul tema in corso di pubblicazione su Journal of Vascular
Access (1), l’argomento è stato affrontato prendendo in considerazione quattro punti fondamentali.
1) Scelta dell’accesso venoso periferico
I pazienti con sospetta o confermata diagnosi di COVID-19 – ma che non richiedono ricovero in
Terapia Intensiva – possono essere trattati partendo con un accesso venoso periferico, che verrà
usato per idratazione e terapie di supporto, utilizzando questo accesso – però – solo per infondere
farmaci e soluzioni compatibili con la via venosa periferica (liste dei farmaci compatibili e
incompatibili con la infusione endovenosa per via periferica sono facilmente disponibili su internet)
(2). Questi pazienti hanno inoltre bisogno di prelievi ematici ripetuti.
Attualmente esistono tre dispositivi di accesso venoso periferico: cannule periferiche corte
(<6cm); cannule periferiche lunghe o ‘mini-Midline’ (6-15 cm) e cateteri Midline (lunghi >15 cm) (3).
In pazienti di questo tipo sono consigliabili i cateteri Midline – specialmente se power injectable e
in poliuretano. Questi dispositivi hanno numerosi vantaggi: (a) grazie alla loro lunga durata,
riducono il numero di manovre di posizionamento di accesso venoso periferico (con ovvii benefici
in termini di risparmio di risorse e di riduzione dei momenti di rischio per l’operatore); (b)
permettono infusioni ad alto flusso; (c) consentono i prelievi di sangue (cosa ardua nelle cannule
periferiche lunghe e impossibile per le cannule periferiche corte); per ottimizzare la possibilità di
prelievo, è consigliabile verificare ecograficamente che la punta del Midline sia localizzata nella
vena ascellare, nella regione sottoclaveare, subito prima del passaggio della vena sotto la
clavicola (4); i Midline possono essere agevolmente sostituiti su guida con un catetere centrale ad
inserzione periferica (PICC) se indicato. Ai fini di ridurre il rischio di trombosi venosa cateterecorrelata,
oltre all’uso tassativo della venipuntura ecoguidata, occorre verificare che il calibro della
vena incannulata (brachiale o basilica) sia almeno tre volte il diametro esterno del Midline (es.:
vena di 4 mm, catetere 4Fr; vena di 5 mm, catetere 5Fr; etc.); inoltre, è bene utilizzare i Midline
(come anche le agocannule e i mini-Midline) esclusivamente per infusioni compatibili con la via
periferica. Va presa in considerazione, visto lo stato di iper-coagulabilità del paziente COVID-19, la
somministrazione sottocute di eparina a basso peso molecolare a dose profilattica (100
unità/kg/24h) o addirittura terapeutica (100 unità/kg/12h), come già previsto da molti centri, anche
in assenza di cateterismo venoso.

Il posizionamento ecoguidato di cateteri periferici lunghi (anche detti ‘mini-Midline’, 6-15 cm)
può avere un ruolo, seppur limitato, in questi pazienti, ad esempio al loro arrivo in pronto soccorso.
Il vantaggio di un costo minore e di una inserzione più semplice (se paragonati ai Midline) va però
raffrontato alla minore durata, al maggior rischio di complicanze locali (dislocazione e stravasi) e
alla maggiore difficoltà nell’eseguire prelievi (e quindi in questo caso è opportuno avere un altro
sito di prelievo, come ad esempio un catetere arterioso periferico).
Un problema particolare legato all’utilizzo di accessi venosi periferici brachiali (agocannule,
mini-Midline e Midline) è costituito dalla loro compatibilità con l’utilizzo di caschi per CPAP o in
genere per ventilazione non invasiva (NIV), spesso impiegati nei pazienti COVID-19. Il problema
può insorgere quando si utilizzi come interfaccia un casco con cinghie strette sotto le ascelle, così
comprimendo inevitabilmente le vene ascellari; questa manovra può associarsi a edema, a
parestesie e a rischio di trombosi venosa da stasi, oltre che a un notevole fastidio per il paziente
(5). Il posizionamento di un accesso periferico – sia esso un agocannula o un mini-midline o un
Midline – in un arto con stasi venosa può comportare teoricamente un ulteriore aumento del rischio
di edema e trombosi locale, anche in considerazione del maggior rischio trombotico di questi
pazienti. In condizioni normali, circa il 75% del sangue venoso refluo del braccio refluisce tramite la
vena ascellare (tramite vene brachiali e vena basilica), mentre soltanto il 25% refluisce tramite la
vena cefalica, che può costituire però una via collaterale di scarico nel caso di compressione della
vena ascellare. Pur non esistendo disponibili dati di letteratura sicuri a questo riguardo, occorre
tenere presente tale problema e preferire sistemi di CPAP/NIV con maschera facciale oppure con
tipologia di casco che non preveda l’ancoraggio sotto le ascelle, o anche l’adozione di sistemi di
fissaggio del casco mediante cinghie collegate ai bordi del letto o con contrappesi. Non vi sono
comunque ancora dati certi sulla effettiva incidenza di trombosi venosa, in presenza o in assenza
di cateteri periferici brachiali (mini-Midline o Midline), correlata direttamente o indirettamente
all’ancoraggio ascellare del casco.

2) Scelta dell’accesso venoso centrale
Il paziente COVID che richiede ricovero in terapia intensiva ha la necessità di un accesso
venoso centrale per diverse motivazioni: terapie infusionali multiple e ad alti flussi,
somministrazione di farmaci vasopressori e di altri farmaci non compatibili con la via periferica,
nutrizione parenterale, monitoraggio emodinamico, ripetuti prelievi ematici giornalieri. Nel paziente
adulto, i dispositivi per accesso venoso centrale sono oggi classificabili come PICC (cateteri
centrali ad inserzione periferica), CICC (cateteri centrali ad inserzione centrale), FICC (cateteri
centrali ad inserzione femorale) (6).

Recentemente, diversi studi hanno sottolineato i potenziali vantaggi dell’utilizzo di PICC
power injectable in poliuretano (non valvolati, a punta aperta) in terapia intensiva (7)(8)(9). Nel
paziente COVID-19 acuto grave, l’uso di questi dispositivi – specialmente se bilume (calibro 5Fr) e
trilume (5Fr opp. 6Fr) – può essere particolarmente indicato, sulla base delle seguenti
considerazioni:
– l’inserimento di un PICC è completamente scevro di rischi di complicanze pleuropolmonari
(pneumotorace, emotorace), che possono risultare letali nel paziente con polmonite COVID-19;
– l’inserimento di un PICC non richiede la posizione supina del paziente (che può essere
impossibile in alcuni pazienti COVID-19), ma può essere eseguito anche in pazienti con decubito
ortopnoico o semi-ortopnoico obbligato ed in casi estremi anche con paziente pronato;
– la manovra di posizionamento di un PICC è teoricamente più sicura per l’operatore rispetto
alla manovra di posizionamento di un CICC, in cui ci si trova pericolosamente vicini al viso del
paziente e alle sue secrezioni oro-nasali e tracheali;
– nei pazienti sottoposti ventilazione non invasiva (con maschera o casco) il mantenere il
collo libero da CICC costituisce senz’altro un vantaggio in termine di gestione della terapia
respiratoria e dell’accesso venoso;
– nei pazienti COVID-19 sottoposti a pronazione, la medicazione dei CICC è inevitabilmente più
scomoda da gestire (si pensi alla difficoltà nel controllo periodico del sito di emergenza e nella
connessione/deconnessione delle vie infusionali) e spesso rischia di essere inondata dalle
secrezioni oro-tracheali del paziente durante tutto il periodo della pronazione, che può essere
molto lungo (almeno 12-16 ore/giorno);
– nei pazienti tracheostomizzati, la gestione del PICC sarà più sicura rispetto ad un CICC, sia
per il paziente (minor rischio di contaminazione del sito di emergenza del catetere) che per
l’operatore (minor rischio di esposizione alle secrezioni tracheali del paziente);
– diversi protocolli prevedono l’anticoagulazione ed in casi estremi la trombolisi nei pazienti
COVID-19 – per l’elevato rischio trombotico – ed anche questo è un fattore che rende più
desiderabile l’inserzione di un PICC piuttosto che di un CICC; infatti, il posizionamento di PICC
non ha controindicazioni anche nel paziente fortemente anti-coagulato;
– i pazienti COVID-19 più gravi hanno una degenza media di quasi 3 settimane ed anche per
questo motivo il PICC offre dei vantaggi considerevoli, vista la più lunga aspettativa di durata di tali
dispositivi;
– un Midline già in sede può essere utilizzato per l’inserimento di un PICC mediante una
semplice sostituzione su guida;
– infine, la inserzione di un PICC lascia liberi i vasi venosi dell’area sopraclaveare e inguinale
per un eventuale incannulazione per ECMO.
Da notare che non vi sono differenze di rischio trombotico tra CICC e PICC nel paziente in ICU
(alcuni lavori che in passato lo affermavano sono stati pesantemente smentiti): è oggi
comunemente accettato che il fattore determinante nell’aumentare il rischio trombotico, sia per i
CICC che per i PICC, è legato alla tecnica di impianto (10). Inoltre, recenti lavori hanno anche
dimostrato la affidabilità dei PICC in ICU sia per la rilevazione della pressione venosa centrale (11)
che per la misura della gittata tramite termodiluizione (12); in particolare, a proposito di
quest’ultima metodica, i risultati ottenuti utilizzando la via principale di un PICC 6Fr trilume sono
sovrapponibili a quelli ottenuti mediante infusione nella via distale di un CICC 7Fr trilume (13).
Utilizzando PICC power injectable e multilume si possono avere le medesime performance di un
CICC multilume in termini di comodità e velocità di infusione.
Ovviamente, in mancanza di personale medico-infermieristico appropriatamente addestrato a
posizionare PICC, tale opzione non potrà essere presa in considerazione; ciononostante, non è
impossibile pianificare un addestramento rapido di professionisti già abili con le tecniche di
venipuntura ecoguidata per renderli in grado di posizionare anche accessi brachiali quali i Midline
e i PICC.
In alternativa ai PICC, in caso di controindicazioni specifiche, o in mancanza di personale
specificamente addestrato, si utilizzeranno cateteri ad inserzione centrale (CICC),
tassativamente inseriti per via ecoguidata. In presenza di caschi, maschere facciali, tracheostomie,
etc., sarà consigliabile un approccio sottoclaveare (puntura e incannulamento ecoguidato della
vena ascellare) piuttosto che sopraclaveare, al fine di una maggiore protezione e stabilità del sito
di emergenza del catetere. Una importante indicazione all’utilizzo preferenziale di CICC è costituita
dalla necessità di una via centrale con più di tre lumi.
Nei pazienti COVID-19, si potrà anche considerare l’utilizzo di cateteri venosi centrali ad
inserzione femorale (FICC). il vantaggio del FICC risiede ovviamente nella possibilità di eseguire
la manovra di inserzione minimizzando ulteriormente, rispetto ai PICC e ai CICC, il rischio di
contaminazione dell’operatore da parte delle secrezioni oro-nasali e tracheali del paziente.
Quando si inserisce un FICC (usando di solito PICC power injectable in poliuretano, a punta
aperta, non valvolati, usati off label come FICC) bisogna tenere presente però alcune precauzioni:
– il sito di emergenza del catetere deve essere preferibilmente a metà coscia, lontano
dall’inguine, cosa possibile (a) pungendo la vena femorale comune e poi tunnellizzando a metà
coscia, oppure (b) pungendo direttamente la vena femorale superficiale a metà coscia;
– se si ha bisogno del monitoraggio della pressione venosa centrale o della saturazione in
ossigeno del sangue venoso misto, la punta del FICC deve essere in atrio destro e quindi è
indicata una tip location mediante ECG intracavitario o ecocardiografia (vedi oltre);
– se il FICC sarà usato esclusivamente per prelievi e infusioni, e non per monitoraggio, la
punta può essere posizionata in piena vena cava inferiore (al di sopra della biforcazione delle
iliache al di sotto delle renali). Un buon sistema antropometrico è considerare che la punta
deve stare al di sotto dell’ombelico. Per contenere il rischio di trombosi, è bene scegliere vene di
femorali superficiali di diametro adeguato (catetere 5Fr: vena di almeno 5mm, etc.; come già
descritto per i PICC). Inoltre, è altamente consigliabile proteggere il sito di emergenza da
contaminazioni locali provenienti dall’inguine, non soltanto spostandolo a metà coscia, ma anche
sigillando il sito con colla in cianoacrilato prima di apporre la medicazione trasparente
semipermeabile. Da notare infine che il FICC (contrariamente al PICC e al CICC) solitamente non
può essere usato per la misura della gittata cardiaca mediante termodiluizione.
Benché non vi siano ancora dati clinici chiari, è possibile che il paziente COVID-19 – per il suo
stato di iper-coagulabilità – possa avere un rischio elevato di trombosi venosa da catetere
venoso centrale (PICC, CICC o FICC). In assenza di controindicazioni, va quindi presa in
considerazione, per tutti i cateteri venosi centrali nei pazienti COVID-19, la somministrazione
sottocute di eparina a basso peso molecolare a dose profilattica (100 unità/kg/24h) o anche
terapeutica (100 unità/kg/12h oppure 150 unità/kg/24h). In molti centri, già ora la anticoagulazione
è comunque prevista per tutti i pazienti COVID-19, a prescindere dalla presenza o meno di un
catetere venoso centrale, come prevenzione di trombosi vascolari polmonari. In caso di
controindicazione al trattamento anticoagulante, si dovrà scegliere il dispositivo di accesso venoso
centrale soppesando attentamente la invasività della manovra in termini di possibili complicanze
alla inserzione e di possibili problematiche legate alla gestione.

Infine, sottolineiamo che mediante accesso venoso femorale o sopraclaveare è possibile il
posizionamento di cateteri venosi specifici per dialisi e emodiafiltrazione, metodiche talora utili
nei pazienti COVID-19; tali dispositivi possono essere inseriti ex-novo o anche mediante
sostituzione su guida di pre-esistenti FICC o CICC.
3) Scelta appropriata della tecnica di inserzione
Tutti gli accessi venosi centrali (PICC, CICC, FICC) vanno ovviamente posizionati mediante
ecoguida, come raccomandato da tutte le linee guida internazionali (14)(15): l’ecografo avrà un
ruolo fondamentale in tutta la manovra, consentendo (a) di scegliere la vena più appropriata, (b) di
eseguire in sicurezza la venipuntura, (c) di escludere immediatamente possibili complicanze legate
alla puntura, (d) di verificare la corretta direzione della guida metallica e/o del catetere (tip
navigation) e (e) la posizione finale corretta (tip location) (16). Nel paziente COVID-19 sarebbe
bene utilizzare preferibilmente sonde ecografiche wireless, che consentono la massima pulizia
della sonda tra un paziente e l’altro e il minimo rischio di contaminazione. Si tratta di sonde a
basso costo, ormai alquanto diffuse nel nostro Paese, che consistono in un trasduttore portatile
connesso mediante tecnologia Wi-Fi con il display di uno smartphone o di un tablet (ovviamente
entrambi keyboardless, cioè senza tastiera). Da sempre le sonde wireless hanno il vantaggio della
estrema portabilità, il che le rende particolarmente utili nei posizionamenti bedside di accessi
periferici di lunga durata (mini-midline e midline) e di accessi centrali. Nel paziente COVID-19
diventano desiderabili – se non forse indispensabili – per la minimizzazione del rischio di
contaminazione. Durante la manovra, la sonda sarà coperta da un copri sonda sterile, mentre il
display (ovvero lo smartphone o il tablet) sarà contenuto in un involucro trasparente non sterile e
sostenuto da un supporto. Sarà semplice eliminare entrambe le coperture dopo la manovra,
pulendo la sonda e il display con soluzione appropriata. La mancanza di solchi e di tastiere
faciliterà la disinfezione di entrambi.
In mancanza di sonde ecografiche wireless, la strategia più consigliabile è quella di dedicare
un ecografo esclusivamente a manovre su pazienti COVID-19; ciò ovviamente non esime da una
accurata disinfezione dell’ecografo e delle sonde utilizzate, dopo ogni procedura, secondo le
raccomandazioni attuali, fornite dal produttore o da specifiche risorse web (17).
Le raccomandazioni sull’utilizzo tassativo dell’ecoguida riguardano anche l’accesso arterioso
periferico, essenziale nel paziente COVID-19 ricoverato in terapia intensiva – ma frequentemente
necessario anche in area non critica – per monitoraggio continuo della pressione arteriosa e/o per
esecuzione di emogasanalisi e di prelievi ematici frequenti. Le linee guida dell’European Society of
Anaesthesiology (ESA), di prossima pubblicazione (18) raccomandano l’utilizzo dell’ecoguida
(livello di evidenza IB) anche per l’incannulamento arterioso. L’ecoguida è particolarmente
importante nei pazienti COVID-19, poiché la difficoltà di palpare il polso arterioso dovuta alla
presenza di doppio guanto può rendere impossibile l’incannulamento alla cieca.
Un altro punto rilevante nel paziente COVID è quello di evitare controlli radiologici: sia che si
trasporti il paziente nel reparto di radiologia, sia che si porti l’attrezzatura radiologica al letto del
paziente, il rischio di contaminazione di operatori e macchinari è assai elevato. In questi pazienti
diventa tassativo verificare la posizione della punta del catetere venoso centrale (tip location)
mediante metodiche non radiologiche, quali la elettrocardiografia intracavitaria (IC-ECG) e la
ecocardiografia trans-toracica (TTE). Già da tempo queste due metodiche di tip location sono
fortemente consigliate dalle linee guida poiché considerate più sicure, più accurate e più costo
efficaci rispetto alla lastra del torace (15). Il fatto che entrambe le metodiche non abbiano ancora
avuto un uso su larga scala è legato esclusivamente a motivi culturali e di abitudine; infatti,
ragionando in termini di risparmio di risorse, di efficacia clinica e di sicurezza del paziente, la
radiografia di controllo del torace dopo posizionamento di un CICC o di un PICC dovrebbe essere
logicamente abbandonata a favore della verifica intra-procedurale mediante IC-ECG e/o TTE. La
tip location mediante TTE può essere eseguita rapidamente al letto del paziente utilizzando sonde
wireless con trasduttori convex, micro-convex oppure settoriali ed utilizzando il cosiddetto bubble
test ovvero contrast-enhanced method (infusione rapida di fisiologica addizionata di microbolle
d’aria all’interno del catetere, visualizzata mediante ecocardiografia sotto-xifoidea o apicale) (19).
La tip location mediante IC-ECG può essere eseguita anche questa al letto del paziente
minimizzando il rischio di contaminazione: se il paziente non è già connesso ad un monitor ECG
(come comunque accade sempre nel paziente COVID-19 in Terapia Intensiva), si può usare un
monitor ECG dedicato wireless, connesso mediante tecnologia Bluetooth ad uno smartphone o ad
un tablet.

Nel caso della inserzione di un CICC sarà anche necessario verificare l’assenza di
pneumotorace: anche in questo caso, non è indicato ricorrere a sistemi radiologici. Numerosi
studi hanno oramai dimostrato infatti come la sensibilità dell’esame ecografico dello spazio
pleurico sia maggiore della lastra del torace nella diagnosi di pneumotorace (16). L’esame
ecografico del movimento pleurico verrà fatto (preferibilmente con una sonda wireless) subito dopo
l’inserimento del CICC per ottimizzazione i tempi di verifica delle complicanze e la sicurezza del
paziente.
Un’altra importante precauzione nel paziente COVID-19 riguarda la prevenzione della
dislocazione del catetere venoso centrale. Il rischio di dislocazione è infatti particolarmente
elevato in questo tipo di pazienti, in particolare durante le manovre di prono-supinazione. La
perdita di una via centrale ove siano infuse ad esempio amine vasoattive è sicuramente
un’evenienza grave e necessita di un nuovo inserimento in emergenza che può essere indaginoso
e gravato da ulteriori rischi. Inoltre, la dislocazione parziale o totale di un CICC o di un PICC in un
paziente COVID-19 e quindi la necessità di riposizionamento non comporta soltanto uno spreco di
risorse (come nel paziente non-COVID-19, a cui si devono però aggiungere i preziosi dispositivi di
protezione individuale di livello elevato, purtroppo di limitata disponibilità), ma anche un nuovo
rischio di contaminazione dell’operatore nel ripetere la manovra. E’ pertanto necessario prendere
in considerazione l’utilizzo di sistemi di ancoraggio sottocutaneo, che renderanno la
dislocazione meno probabile soprattutto nel paziente agitato o nel paziente sottoposto a pronazioni
periodiche.
Infine, come in tutti i pazienti con dispositivi di accesso venoso centrale, sarà importante
proteggere il sito di emergenza del catetere, mediante (a) colla in cianoacrilato o feltrini a lento
rilascio di clorexidina, e (b) membrane trasparenti semipermeabili in poliuretano di buona adesività
e alta traspirabilità.

4) Adozione delle precauzioni appropriate per evitare la contaminazione dell’operatore
L’inserimento di accessi venosi centrali o di accessi venosi periferici di lunga durata va
eseguita osservando le raccomandazioni dei CDC per l’accesso vascolare nei pazienti COVID-19
(20): per la protezione del paziente, l’operatore deve adottare le massime precauzione di
barriera ‘standard’ (igiene delle mani prima della manovra, antisepsi cutanea con clorexidina 2%
in alcool isopropilico 70%, mascherina chirurgica non sterile, berretto non sterile, guanti sterili,
camice sterile impermeabile, ampio campo sterile sul paziente, coprisonda sterile di lunghezza
appropriata intorno alla sonda ecografica).
Quanto alle misure di protezione dell’operatore, a parte i dispositivi di protezione individuale
(DPI) di protezione da contatto (doppio guanto, tuta completa, occhiali o schermo facciale,
calzari), nei pazienti COVID-19 i Centers for Disease Control (CDC) raccomandano l’uso della
mascherina chirurgica per il paziente (non intubato) e per l’operatore. Le maschere protettive con
filtro N95 (equivalenti alle FFP2 della nomenclatura europea) sono previste dai CDC soltanto per
le procedure che generano aerosol (intubazione tracheale, estubazione, broncoscopia,
confezionamento di tracheostomia, etc.); ciononostante, facendo riferimento anche a recenti
documenti della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dell’Istituto Superiore di Sanità
(ISS) e dello European Centre of Disease Prevention and Control (ECDC) (21), riteniamo di dover
consigliare l’uso di una doppia mascherina (mascherina con filtro protettivo tipo FFP2 +
mascherina chirurgica) anche per il posizionamento di accessi vascolari, considerando il rischio
elevato, specialmente nel paziente estubato e sintomatico oppure in NIV, di presenza di aerosol
nell’ambiente. Una soluzione aggiuntiva può essere quella di proteggere il volto del paziente con
una copertura non sterile trasparente in plastica impermeabile che permetta all’operatore di vedere
il paziente ma al tempo stesso di proteggersi in caso di contaminazione da droplets.

Conclusioni
Ben consapevoli delle multiformi realtà cliniche presenti nel nostro Paese, sappiamo che
non sempre e non tutte queste raccomandazioni potranno essere attuate ovunque, anche se
riconosciute ragionevoli. E’ opportuno sottolineare che, particolarmente in questa circostanza,
nessuno debba tentare procedure e metodiche che non gli sono familiari e/o per le quali non si
sente appropriatamente addestrato. Infatti, esistono certamente in Italia unità operative aggiornate
dal punto di vista culturale e tecnologico, ma esistono anche unità operative dove manca
personale medico-infermieristico addestrato al posizionamento di qualcuno o di tutti i dispositivi di
accesso venoso illustrati in questo documento (mini-midline, Midline, PICC, CICC, FICC); esistono
(purtroppo) molte unità operative dove ancora vi è uno scarso utilizzo dell’ecoguida; esistono
ancora unità operativa dove vi è una sovra-indicazione dei controlli radiologici dopo il
posizionamento di accessi venosi centrali; esistono unità operative dove è incostante o difettosa la
adozione delle raccomandazioni internazionali per la prevenzione delle complicanze infettive
durante la inserzione di accessi venosi centrali (igiene delle mani, antisepsi cutanea con
clorexidina 2% in alcool, massime precauzioni di barriera).
Siamo anche consapevoli che il mancato aggiornamento delle procedure relative agli
accessi venosi non è legato ad un problema di risorse (tutte le strategie elencate in questo
documento comportano un risparmio economico: si pensi – solo per fare due esempi – alla
significativa riduzione nella incidenza di costose complicanze precoci e tardive quando si adotti la
ecoguida, o al basso costo delle sonde wireless rispetto agli ecografi tradizionali, o al vantaggio
della tip location mediante IC-ECG o TTE in termini di tempo e denaro), bensì ad un problema
logistico e di formazione, ovvero una mancata spinta verso la ottimizzazione delle procedure,
legata ad una difficoltà organizzativa e culturale nell’identificare e attuare le strategie che si
associano a maggiore sicurezza del paziente e dell’operatore e a maggior risparmio di risorse.
La tragica pandemia che ci ha colpito nelle ultime settimane finirà senz’altro per modificare
molti dei nostri comportamenti clinici nel futuro. Ci auguriamo che, nel campo degli accessi venosi,
l’effetto collaterale positivo di questa esperienza possa configurarsi in una nuova consapevolezza
della necessità di lavorare in risparmio e sicurezza anche al di fuori delle situazioni di emergenza
sanitaria, adottando strategie vincenti quali soprattutto:
(a) la istituzione di team di accessi vascolari ospedalieri in grado di posizionare qualunque
dispositivo di accesso venoso a breve-medio termine, secondo le necessità del singolo paziente
(si veda a questo riguardo la guida ragionata alla scelta del dispositivo di accesso venoso
contenuta nel sistema esperto ‘DAV-Expert’ messo a punto dal GAVeCeLT (22);
(b) l’abbandono dell’uso routinario della radiologia per il controllo della punta e per la
esclusione del pneumotorace dopo posizionamento di accesso venoso centrale, a favore di
metodiche più rapide, più accurate, più sicure e più economiche come la elettrocardiografia
intracavitaria e la ecocardiografia;
(c) la sistematica adozione delle misure di prevenzione delle infezioni correlate all’accesso
venoso, al fine di massimizzare sia la sicurezza del paziente che la sicurezza dell’operatore.
Bibliografia
1) Scoppettuolo G, Biasucci DG, Pittiruti M: Vascular access in COVID-19 patients: smart
decisions for maximal safety. J Vasc Access. 2020; in press.
2) Tabella farmaci per infusione. Sito web del GAVeCeLT.
https://www.gavecelt.it/nuovo/sites/default/files/uploads/lista_farmaci_per_infusione.pdf
3) Qin KR, Nataraja RM, Pacilli M. Long peripheral catheters: Is it time to address the
confusion? J Vasc Access. 2019; Vol. 20(5) 457–460.
4) Elli S, Pittiruti M, Pigozzo V, et al. Ultrasound-guided tip location of midline catheters. J
Vasc Access. 2020 Feb 28. doi: 10.1177/1129729820907250.
5) Lucchini A, Elli S, Bambi S et al. How different helmet fixing options could affect patients’
pain experience during helmet-continuous positive airway pressure. Nurs Crit Care. 2019;
24(6):369-374.
6) Buone pratiche cliniche SIAARTI: Le buone pratiche per gli accessi vascolari. Sito Web
della SIAARTI.
https://www.siaarti.it/standardclinici/Buone%20Pratiche%20Cliniche%20SIAARTI%20-
%20Accessi%20Vascolari%201.2.pdf
7) Pittiruti M, Brutti A, Celentano D, et al. Clinical experience with power-injectable PICCs in
intensive care patients. Crit Care. 2012 Feb 4;16(1): R21. doi: 10.1186/cc11181.
8) Cotogni P, Pittiruti M. Focus on peripherally inserted central catheters in critically ill
patients. World J Crit Care Med. 2014; 3: 80–94.
9) Poletti F, Coccino C, Monolo D, et al. J Vasc Access. 2018; 19 (5): 455-460.
10) Balsorano P, Virgili G, Villa G, et al. Peripherally inserted central catheter-related
thrombosis rate in modern vascular access era-when insertion technique matters: A
systematic review and meta-analysis. J Vasc Access, 2020;21(1):45-54.
11) Sanfilippo F, Noto A, Martucci G, et al. Central venous pressure monitoring via peripherally
or centrally inserted central catheters: a systematic review and meta-analysis. J Vasc
Access. 2017 Jul 14;18(4):273-278.
12) D’Arrigo S, Sandroni C, Cacciola S, et al. Are peripherally inserted central catheters
suitable for cardiac output assessment with transpulmonary thermodilution? Crit Care Med.
2019; 47(10):1356-1361.
13) D ́Arrigo S, Sandroni C, Cacciola S et al. Single-lumen 5Fr and triple-lumen 6Fr
peripherally inserted central catheters (PICCs) for cardiac output assessment by
transpulmonary thermodilution. Critical Care 2020, 24 (Suppl 1):87, P199.
14) Lamperti M, Bodenham AR, Pittiruti M, et al. International evidence-based
recommendations on ultrasound-guided vascular access. Intensive Care Med. 2012; 38:
1105–1117.
15) Gorski L, Hadaway L, Hagle ME, et al. Infusion Therapy Standards of Practice. J Infusion
Nurs. 2016; 39 (suppl.1): S1-S156.
16) Biasucci DG, La Greca A, Scoppettuolo G, Pittiruti M. What’s really new in the field of
vascular access? Towards a global use of ultrasound. Intensive Care Med. 2015 Apr;
41(4):731-3.
17) Sito Web Ultrasound Infection Prevention. https://www.ultrasoundinfectionprevention.org
18) Lamperti M, Biasucci DG, Disma N, et al. European Society of Anaesthesiology guidelines
on perioperative use of ultrasound for vascular access (PERSEUS vascular access). Eur J
Anaesth. 2020; in press.
19) Iacobone E, Elisei D, Gattari D, et al. Transthoracic echocardiography as bedside
technique to verify tip location of central venous catheters in patients with atrial arrhythmia.
J Vasc Access. 2020; doi 10. 1177/12972982005200.
20) CDC – Updated protocol (March 19, 2020) on airborne precautions. Sito web del CDC.
https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/hcp/clinical-guidance-managementpatients.
html
21) ECDC Technical Report (February 2020) Personal protective equipment (PPE) needs in
healthcare settings for the care of patients with suspected or confirmed novel coronavirus.
Sito web dell’ECDC. https://www.ecdc.europa.eu/sites/default/files/documents/novelcoronavirus-
personal-protective-equipment-needs-healthcare-settings.pdf
22) Sistema esperto ‘DAV-Expert’ per la scelta dell’accesso venoso. Sito web del GAVeCeLT.
http://davexpert.gavecelt.it

 

PDF file
scarica PDF

Devi aggiungere un widget, una riga o un layout precostruito per poter vedere qualcosa qui. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *