Studio ecografico del danno diaframmatico indotto dalla ventilazione meccanica in pazienti COVID-19 con insufficienza respiratoria acuta ipossiemica di grado moderato-grave

Oltre il 60% dei pazienti ventilati meccanicamente manifesta una disfunzione diaframmatica (DD), condizione clinica associata a svezzamento difficile e prolungato, outcome ospedaliero sfavorevole e aumento della spesa sanitaria. Mentre i potenziali effetti nocivi della ventilazione meccanica (VM) a livello alveolare sono stati da tempo ben descritti, solo recentemente si è evidenziato che la VM possa di per sé danneggiare anche il muscolo diaframmatico. Tale danno può configurarsi in due modi: da un lato la soppressione degli sforzi inspiratori può determinare una atrofia del diaframma (come confermato da valutazioni ecografiche che evidenziano una riduzione dell’ispessimento diaframmatico in circa il 50% dei pazienti ventilati); dall’altro, una ventilazione meccanica insufficiente a diminuire il lavoro del muscolo diaframmatico può associarsi ad infiammazione e danno muscolare. Contrazioni diaframmatiche da sforzo respiratorio eccessivo possono infine scatenare una flogosi a livello muscolare che può evolvere in una sindrome infiammatoria sistemica.

L’ecografia è una metodologia comunemente utilizzata per la valutazione della funzione diaframmatica nei pazienti critici. I vantaggi dell’utilizzo dell’ecografo risiedono nella non invasività della metodica, che risulta facilmente e rapidamente eseguibile al letto stesso del malato.

L’obiettivo principale del presente studio è di valutare l’evoluzione temporale della disfunzione diaframmatica nei pazienti critici affetti da insufficienza respiratoria acuta ipossiemica da SARS-COV2 o da altre cause che richiedano VM, attraverso l’esame ecografico seriato del muscolo diaframmatico.

Saranno arruolati nello studio tutti i pazienti ricoverati presso l’unità di Terapia Intensiva COVID 1 (Complesso Integrato Columbus) e COVID 2 (Policlinico ‘A. Gemelli’), purché sottoposti a VM per insufficienza respiratoria acuta ipossiemica di grado moderato-grave. Saranno esclusi i pazienti con obesità patologica, e/o pregressa broncopneumopatia cronica ostruttiva, e/o pregresse alterazioni neuromuscolari degenerative e/o con un’aspettativa di VM da protrarre per meno di due giorni.

La valutazione ecografica della funzione diaframmatica sarà effettuata attraverso la misura dell’ispessimento diaframmatico (DT) e della frazione di ispessimento diaframmatico (Tdi), ottenute attraverso una sonda lineare 7-10 MHz, mediante una finestra ecografica situata a livello del seno costo-frenico sulla linea emi-ascellare dx, tra VIII e X spazio intercostale. Le misurazioni saranno eseguite con paziente in posizione semi-seduta in diversi momenti: subito prima dell’intubazione, al giorno 1°, 3°, 5°, e 7° di VM; le misurazioni verranno interrotte al settimo giorno oppure prima in caso di exitus o dimissione dalla terapia intensiva. Vista la necessità di ripetute valutazioni al letto del malato e considerato il rischio di contaminazione delle apparecchiature utilizzate, si adotteranno per la valutazione ecografica sonde wireless portatili completamente sanificabili a fine esame.

La disfunzione diaframmatica sarà definita come la variazione ≥ 10% dei valori di Tdi rispetto ai valori di partenza. L’atrofia diaframmatica verrà definita come una riduzione ≥ 10% dei valori di Tdi rispetto ai valori basali.

In considerazione della natura puramente descrittiva dell’obiettivo primario la numerosità campionaria minima richiesta sarà di 50 pazienti.

Sinossi Italiano studio

PDF file
download PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *